elanco di film

I migliori film sui rifugiati

Questo elenco include quei film che meglio affrontano il problema rifugiati: Come sono costretti a fuggire dai rispettivi paesi, come rischiano la vita nel tentativo di fuggire, come sopravvivono nei campi profughi, il loro adattamento a un nuovo paese e una nuova cultura, aiuto umanitario che viene offerto loro, ecc.

Vorrei chiarire che questi film riguardano specificamente i rifugiati. La migrazione è un concetto più generale che varrebbe un altro elenco di film.

I rifugiati sono definiti come persone che fuggono dal loro paese per salvare le loro vite o preservare la loro libertà. Chi emigra in cerca di lavoro, ad esempio, non rientra in questa categoria.

Per chiarire questo, andiamo con la lista dei migliori film sui rifugiati.

VOTA PER I TUOI PREFERITI


L’altro lato della speranza (2017) di Aki Kaurismäki

L'altro lato della speranza

Il famoso regista finlandese Aki Kaurismäki dipinge un ritratto molto personale della crisi dei rifugiati. Con il suo stile particolare, racconta come un giovane arriva a Helsinki dalla Siria. La sua domanda di asilo viene respinta, ma decide comunque di restare.

Kaurismäki ha anche diretto un altro film degno di nota, chiamato a Havre (2011), in cui ha descritto la situazione di molti esiliati nel campo profughi di Calais.


Luna di Giove (2017) di Kornél Mundruczó

Luna di Giove

Miglior film e migliori effetti speciali al Festival di Sitges 2017. Luna di Giove affronta la storia di un rifugiato siriano che, mentre cerca di attraversare il confine, viene colpito a colpi di arma da fuoco, il che gli conferisce una strana abilità. Il film combina realismo crudo e fantasia stravagante.


Dheepan (2015) di Jacques Audiard

Dheepan

Palma d’Oro al Festival di Cannes 2015.

Un uomo fugge dalla guerra civile in Sri Lanka e, per ottenere il diritto di asilo alla Francia, trasmette la sua famiglia a una donna e una ragazza che stanno fuggendo dal Paese. Adattamento al paese.


Professor Lazhar (2011) di Philippe Falardeau

Professor Lazhar

Bachir Lazhar è un rifugiato algerino che lavora come insegnante a Montreal, Canada, in attesa della risoluzione della sua domanda di asilo. Sua moglie ha scritto un libro denunciando alcune scomode verità su questo paese, quindi ha dovuto fuggire da lì.

Philippe Falardeau ha un altro film intitolato La buona bugia (2014), su un rifugiato sudanese della guerra civile residente negli Stati Uniti. Anche inferiore a Professor Lazhar, È anche un film interessante.


Vai e vivi (2005) di Radu Mihaileanu

1985. Una madre di origine etiope si ritrova in un campo profughi sudanese. La donna viene a conoscenza di un progetto che trasferirà un gran numero di ebrei etiopi nello stato di Israele e convince il figlio a dichiararsi ebreo per fuggire da quel luogo.


Anche le tartarughe volano (2004) di Bahman Ghobadi

Anche le tartarughe volano

Conchiglia d’oro per il miglior film al San Sebastian Film Festival 2004. Questo film incisivo ci mostra come le persone che vivono in un campo profughi nel Kurdistan iracheno investono il loro tempo e i loro sforzi nella ricerca di un’antenna parabolica, finalizzata a ottenere informazioni su un imminente attacco statunitense sull’Iraq.


In questo mondo (2002) di Michael Winterbottom

In questo mondo

Vincitore dell’Orso d’argento al Festival di Berlino nel 2003, racconta la vita di diversi rifugiati afgani nel campo profughi di Peshawar in Pakistan, così come il loro viaggio a Londra, attraverso Iran, Turchia, Italia e Francia.


pioggia (Baran, 2001) di Majid Majidi

pioggia

Miglior film al Festival di Montreal del 2001. È la storia di un rifugiato afghano in Iran, raccontata attraverso gli occhi di un adolescente.


Fuga in paradiso (2001) di Nino Jacusso

Fuga in paradiso

Una famiglia fugge dalla Turchia in Svizzera, dove entrano in un centro di accoglienza insieme ad altri rifugiati.


Ultima risorsa (2000) di Pawel Pawlikowski

Miglior film e migliore attrice al Festival di Gij’on dell’anno 2000.

Una donna e suo figlio lasciano Mosca per trasferirsi in Inghilterra, dove saranno ricoverati in un centro di accoglienza. Lì vivranno con centinaia di rifugiati che lottano per sopravvivere.


Inoltre, consigliamo i seguenti documentari:

Fuoco nel mare (2016) di Gianfranco Rosi

Sonita (2015) di Rokhsareh Ghaem Maghami

Danza di guerra (2007) di Sean Fine e Andrea Nix

Dio si è stancato di noi (2006) Christopher Quinn

Tra le braccia di uno sconosciuto: il trasferimento degli innocenti (2000) di Mark Jonathan Harris

VOTA PER I TUOI PREFERITI

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba