elanco di film

I 30 migliori film sulla libertà di espressione

Piccola pretesa di un diritto fragile ed eternamente assediato che ci permette di pensare ed esprimerci per noi stessi. Un elenco dei 30 migliori film sulla libertà di parola.


Lo Stato contro la libertà di espressione

La libertà di espressione è costantemente minacciata. E come potrebbe essere altrimenti, oggi lo è. Il perseguimento della libertà di espressione dalle sfere politiche è un comportamento prevedibile e ragionevole, in quanto costituisce uno dei principali controlli sul potere politico. Vale a dire, la libertà di espressione è uno dei diritti che possiede il cittadino che limita in modo più intenso il potere dello Stato. È comprensibile, quindi, che lo Stato cerchi di porre fine a questo diritto.

Ciò che non è così comprensibile è che il cittadino sostiene lo Stato quando quest’ultimo cerca di limitare la libertà di espressione. Lo Stato cerca di strappare un diritto fondamentale ai cittadini, e buona parte di questi cittadini rinuncia senza stravolgere il gesto. E posso solo pensare a due spiegazioni per tanta generosità: essere cieco o essere un teppista. Non sapendo che stai dando via la tua anima (anzi, al diavolo) o sapendolo ma che non ti interessa. Forse, perché capisci che questo rimarrà nella tua trincea, perché capisci che perdi il diritto di favorire i “tuoi” (che non sono tuoi, sono solo tuoi, anche se questo è un altro discorso).

È uno dei diritti che il cittadino possiede che limita più intensamente il potere dello Stato. È comprensibile, quindi, che lo Stato cerchi di porre fine a questo diritto.

Dal mio punto di vista, la libertà di parola non dovrebbe essere una merce con cui commerciare. Perché quando un governo cade e ti succede un altro del contrario, stai certo che questi diritti perduti non verranno ripristinati. Li avrai semplicemente persi. O peggio, li hai dati via. O peggio, avrai aiutato attivamente lo Stato a strappare quei diritti. E il partito politico che odi così tanto è poi quello che trarrà vantaggio da tutto questo.


Libertà di pensiero, libertà di espressione e libertà di stampa

La libertà di pensiero, la libertà di espressione e la libertà di stampa non sono la stessa cosa, ma sono così inestricabilmente legate che le considereremo come una cosa sola. A ogni persona dovrebbe essere consentito di avere pensieri controversi, che possono essere considerati spiacevoli da altre persone. E deve essere consentito loro di esprimersi. Pertanto, la libertà di pensiero e di espressione si applica alle persone, mentre la libertà di stampa si applica ai media. Tuttavia, con l’espansione delle nuove tecnologie questa frontiera diventa sfocata, poiché ogni individuo può diventare un mezzo di comunicazione attraverso youtube o social media.

A ogni persona dovrebbe essere consentito di avere pensieri controversi, che possono essere considerati spiacevoli da altre persone. E deve essere consentito loro di esprimersi.

Questa è la mia piccola pretesa di un diritto fragile ed eternamente assediato che ci permette di pensare ed esprimerci per noi stessi. Un elenco dei 30 film sulla libertà di parola. Qual è il tuo preferito? Conosci altri film sull’argomento?


I 30 migliori film sulla libertà di espressione

vita nascosta (A Hidden Life, 2019), di Terrence Malick


Finché dura la guerra (2019), di Alejandro Amenábar


Gli archivi del Pentagono (The Post, 2017), di Steven Spielberg


silenzio (Silence, 2016), di Martin Scorsese


Questo non è un film (In Film NIST, 2011), di Jafar Panahi e Mojtaba Mirtahmasb


Howl (2010), di Rob Epstein e Jeffrey Friedman


Agora (2009), di Alejandro Amenábar


Le vite degli altri (Das Leben der Anderen, 2006), di Florian Henckel von Donnersmarck


V di Vendetta (V For Vendetta, 2006), di James McTeigue


Buona notte e buona fortuna (Buona notte e buona fortuna, 2005), di George Clooney


Sophie Scholl. Gli ultimi giorni (Sophie Scholl: Die letzten Tage, 2005), di Marc Rothemund


Radio Favela (Uma Onda No Ar, 2002), di Helvécio Ratton


Mad City (1997), di Costa-Gavras


Lo scandalo Larry Flynt (The People vs. Larry Flynt, 1996), di Milos Forman


Cuore impavido (1995), di Mel Gibson


Buongiorno, Vietnam (1987), di Barry Levinson


Il nome della rosa (Der Name der Rose, 1986), di Jean-Jacques Annaud


Il padre è in viaggio d’affari (Otac na sluzbenom putu, 1985), di Emir Kusturica


1984 (1984), di Michael Radford


Tutti gli uomini del presidente (Tutti gli uomini del presidente, 1976), di Alan J. Pakula


il coperchio (The Front, 1976), di Martin Ritt


La vita di Galileo (Galileo, 1975), di Joseph Losey


lenny (1974), di Bob Fosse


Giordano Bruno (1973), di Giuliano Montaldo


il rito (Riten, 1969), di Ingmar Bergman


Fahrenheit 451 (1966), di François Truffaut


L’uomo che ha ucciso Liberty Valance (L’uomo che uccise Liberty Valance, 1962), di John Ford


L’eredità del vento (Inherit the Wind, 1960), di Stanley Kramer


Dodici uomini senza pietà (12 Angry Men, 1957), di Sidney Lumet


Il grande dittatore (Il grande dittatore, 1940), di Charles Chaplin

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba