critici

Hair (1979): una facciata musicale?

Capelli è libertà senza dogmi, a volte immorale, con questa salsedine che caratterizza gli hippy quando applicano il buon rotolo a tutto ciò che li circonda.

È il momento giusto per vedere questo tipo di film e realizzare così il puritanesimo a cui siamo sottoposti ultimamente. Capelli lo è, come direi Shrek, Libertà del bene, una libertà senza dogmi, a volte immorale, ma senza male e con questa salsedine che caratterizza gli hippy quando applicano il rotolo buono a tutto ciò che li circonda. Perché questi tipi di musical non vengono presentati in anteprima sulla Gran Via? Perché dovremmo continuare a sopportare i leoni del Re Leone? La risposta è semplice: censura! Capelli è un musical politicamente scorretto e scommetto su come lo chiamerebbero i media sistemici: retrogrado, sessista, osceno, razzista e, ovviamente, di facciata! No, non sto parlando con loro gara, il nastro franchista, ma di un film in cui si canta rock, soul (Facile essere duro), Pop … e dove si parla di amore libero e di tutti i tipi di sesso (Sodomia). In breve, con l’eccezione dell’amore libero, hanno sostenuto le idee di pace e amore che Gesù di Nazareth ha promulgato ai suoi giorni. Un altro motivo, a proposito, per chiamarlo “facciata “.

Comunque … Claude è un giovane di campagna che si reca a New York per unirsi ai ranghi e combattere nella guerra del Vietnam. A Central Park, incontra alcuni ragazzi della sua età, di ideologia e abbigliamento hippie, e vivono varie avventure nei giorni prima del suo arruolamento. Il giovane contadino incontra una ragazza borghese, Sheila (Beverly D’Angelo), E la sua nuova banda, che già lo considera uno in più, lo aiuta a conquistarla. Quello che, a priori, sembra un film fresco, leggero e divertente, ha un esito profondo, inaspettato e brillante perché esaltano i valori di quel tempo che, con le loro virtù e i loro difetti, cercavano e favorivano. con radici molto lodevoli. Berger è il capo di questo tipo di tribù pacifista e, sebbene si apra spesso in modo discutibile e inappropriato (come quasi tutti i mortali), è in grado di dare il massimo per ciò che considera amichevole.

Il film è del 1979, ma è basato sull’omonima commedia del 1967. Non è solo un musical con canzoni che sono diventate dei classici come Acquario, Capelli o Fa entrare la luce, ma un simbolo di una generazione persa e danneggiata negli anni ottanta, dove gli hippy diventavano yuppy aggressivi siti di cocaina su per ottenere, paradossalmente, ciò che decenni fa rifiutavano furiosamente e ciò che l’ideologia capitalista yankee gli imponeva: il successo finanziario.

Come attore, vorrei evidenziare a Tratta Williams nel suo ruolo di George Berger dalla svolta inaspettata che ha il suo ruolo. Canzoni, le consiglio quasi tutte: sono fresche, sentite e cantano molto bene. Per quei tempi di pandemia, grigiore e discesa, non sarebbe male finire l’anno con un po ‘di roccia e fiori, non credi?

Pace e amore, fratelli. Pace e amore.

También te puede interesar

bhcso
bhcso

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba