critici

18 regali (2020): sono sufficienti?

18 regali parte della vera storia di una donna incinta che deve affrontare la sua morte imminente e prematura. Con l’intenzione che la sua futura figlia si ricorderà di lei, prepara un regalo per ogni compleanno della ragazza fino ai 18 anni.


Un’idea attraente

Cinema italiano, di Francesco Amato (Cosimo e Nicole, 2012; Lasciati trasportare, 2017), Ci porta un’interessante proposta ispirata alla storia vera di Elisa Girotto, una donna incinta che deve affrontare la sua morte imminente e prematura. Con l’intenzione che la sua futura figlia si ricorderà di lei, prepara un regalo per ogni compleanno della ragazza fino ai 18 anni. Senza entrare nella valutazione degli aspetti secondari, l’idea è semplicemente meravigliosa. Di quelli che generano interesse e ci preparano per una storia emozionante.


sviluppo fallito

18 regali si ispira all’idea che Elisa Girotto ha dovuto sopportare la propria morte, e per la quale sua figlia riceve un regalo dalla madre ogni compleanno. Il resto è finzione.

Dove ci aspettavamo rigore, verosimiglianza e una narrazione aggrappata alla realtà, troviamo una fantasia con chiare tendenze strappalacrime.

È nello sviluppo della storia che troveremo le principali carenze. Dove ci aspettavamo rigore, verosimiglianza e una narrazione aggrappata alla realtà, troviamo una fantasia con chiare tendenze strappalacrime.

Mi sono sentito ingannato per gran parte della sua visione. Ovviamente, mi sono imbattuto in un film molto diverso da quello che mi aspettavo e ovviamente anche peggio. Ancora una volta, l’etichetta “basata su eventi reali” è usata come un gancio per attirare lo spettatore e cercare di forzare la sua empatia, piuttosto che una dichiarazione di intenti del film per aderire agli eventi realmente accaduti.


Fuga deludente dalla realtà

Lo spettatore deve sapere che siamo di fronte a un film sulla fantasia di una ragazza che desidera ardentemente sua madre, che non ha mai potuto incontrare. Una figlia che desidera godersi il tempo che non ha mai avuto con sua madre, condividere con la sua felicità e il suo dolore. Non può apprezzare i regali che sua madre gli ha lasciato ogni compleanno perché, purtroppo, questa data coincide con quella della sua morte.

Trasformare la realtà fino a ridurla al desiderio di una madre e sua figlia di conoscersi è un passo indietro.

Capisco che alterare notevolmente quello che è successo possa avere senso in molti film, ma in questo non è così. Trasformare la realtà fino a ridurla al desiderio di una madre e sua figlia di conoscersi è un passo indietro. Come mostra anche quello che avremmo voluto che accadesse, piuttosto che quello che è realmente accaduto.


conclusioni

18 regali approfondisce i sentimenti dei protagonisti, sebbene costringa a trasmetterli a determinate situazioni. Siamo riusciti a entrare in empatia con loro. Percepiamo la tristezza di Elisa (Vittoria Puccini) all’avvicinarsi della sua morte, più consapevoli che non potrà godere di ciò che desiderava di più per così tanto tempo. Affronteremo l’assenza di Elisa dal punto di vista del marito Alessio (Edoardo Leo), e soprattutto di Anna (Benedetta Porcaroli), sua figlia. Tutto questo incarnato in performance degne.

Sono consapevole che la mia delusione non sarà la stessa per tutti e ci saranno persone a cui piace il film, che si emozionano … e che piangono.

Come risultato di questi aspetti positivi, il film si lascia vedere, intrattenere e persino godere a volte. Il suo errore è stato quello di rinunciare a una storia vera molto interessante, di raccontarci una fantasia che non è tanto. Sono consapevole che la mia delusione non sarà la stessa per tutti e ci saranno persone a cui piace il film, che si emozionano … e che piangono.

Quindi sono sufficienti 18 regali? Per me non lo sono. Se vuoi sapere se fanno per te, prova il film.


Profilo del film

nazione Italia
direzione Francesco Amato
script Francesco Amato, Massimo Gaudioso, Davide Lantieri, Alessio Vicenzotto
Fotografia Gherardo Gossi
cast Vittoria Puccini, Benedetta Porcaroli, Edoardo Leo, Sara Lazzaro, Marc Messeri, Elisabetta Pedrazzi, Alessandro Giallocosta
genere Dramma
durata 115 min.
Titolo originale 18 regali


trailer

También te puede interesar

bhcso
bhcso

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba