blog

tutte le sequenze dei titoli dei film di Zack Snyder ordinate dalla peggiore alla migliore

A Zack Snyder potrebbe piacere più o meno, e ogni nuovo progetto che presenta è un feroce dibattito di “fan e haters” che “Army of the Dead” (Army of the Dead, 2021) non è stato consegnato, ma un elemento di i suoi film che non si possono negare sono quelli pochi registi mettono così tanta cura nelle loro sequenze di titoli iniziali, Dal suo remake di “Zombie” (Dawn of the Dead, 1978) al suo film Netflix.

Snyder riesce ad anticipare in due minuti il ​​bonus delle prossime due ore, sebbene molte volte il resto del film non riesca ad essere a quel livello. e in modo notevole. con un buona scelta di canzoni, slow motion ultra stilizzato con poca profondità di campo e violenza, Passiamo in rassegna, dal peggiore al migliore, tutte le sequenze dei titoli iniziali in cui il regista mostra le sue tavole da creatore di video musicali che diventa regista.


L’uomo d’acciaio (L’uomo d’acciaio, 2013)

Vlcsnap 2021 maggio 26 16h54m45s930

Una delle decisioni più rare del suo ingresso nell’Universo DC è che Snyder non ha fatto niente di speciale per la sua versione di Superman, Al di là di una sequenza iniziale di 20 minuti che narra l’origine di Kal-El che, sollevando le navi a forma di dildo, è stata molto interessante.

Critica di Espinof

Il taglio di Snyder di Justice League (2021)

Snydercut

Una sorprendente sequenza di crediti che ricadono nella morte di Superman e come la sua morte abbia un effetto domino, nell’universo. Nove minuti, presentazione dei personaggi principali e fine con Bruce Wayne che inizia la sua ricerca per armare la Lega. È visivamente potente, ma si vede l’uso indiscriminato del file FX e la sua narrazione visiva al rallentatore è indigesto e presenta una storia disconnessa che avrà bisogno di sviluppo, con un effetto caricaturale del marchio del regista che li rende i meno interessanti della sua filmografia.

Disponibile su HBO

'Zack Snyder's Justice League': le maggiori differenze tra la nuova produzione di HBO Max e Joss Whedon per i cinema

Ga’Hoole: La leggenda dei Guardiani (Legend Of The Guardians: I gufi di Ga’hoole, 2010)

Gahoole

Può essere che il film meno noto di Snyder, o almeno per il fan medio, questa avventura in animazione 3D non abbia la sua solita recensione iniziale ma ha una sequenza di titoli di coda che riassume i momenti del film con uno stile di animazione di ombre e sagome nello stile di Lotte Reiniger delizioso, anche se non possiede l’impronta del regista e nonostante la sua originalità e bellezza, non rappresenta molto il significato di queste scene nella sua filmografia.

Critica di Espinof

Disponibile per l’affitto in Itunes

Justice League (Justice League, 2017)

Ho provato

La canzone ‘Everybody Knows’ di Leonard Cohen scelta da Joss Whedon per la sequenza di apertura della prima versione del film dà un’aria di volere e di non essere in grado di questo tipo di imitazione di Snyder, e in effetti non sono i migliori crediti della sua filmografia, sebbene abbia dettagli come l’ E ho provato ‘dal mendicante apparentemente girato dal regista per questa sequenza. Tuttavia, con l’arrivo di Snider’s Cut questa scena assume molto valore, perché è in grado di scegliere le scene chiave dall’infinita collezione di prologhi di montaggio di 4 ore. per narrare fluentemente tutto ciò che devi sapere dopo la morte di Superman, E questo è un esempio di buon montaggio narrativo.

Disponibile su HBO

Batman vs Superman: Dawn of Justice (Batman vs Superman: Dawn of Justice, 2016)

Martha

La Ultimate Edition migliora i già interessanti titoli di coda della versione cinematografica, sebbene il film abbia alti e bassi, i minuti di apertura della sua epopea di supereroi alternando l’omicidio e il funerale di Thomas e Martha Wayne (Eye, Negan e Maggie da “The Walking Dead come coppia, ironia della sorte dopo la morte di Glenn nella serie), si collegano con lo stato emotivo e mentale di Bruce Wayne che si approfondisce nella sua tristezza e Haen che il “momento Martha” non squittisce così tanto su tutto. Una fantastica variazione dell’origine degli sciocchi dell’eroe con gli appetiti di Snyder con il cinema horror.

Critica di Espinof

Disponibile su HBO

Pugno di ventosa (2011)

ventosa

Più che una sequenza di titoli di coda, quella del film più personale di Zack Snyder è una sequenza di titoli. Perché tutta la sua introduzione a “Sweet Dreams” è più o meno la stessa di altre in quanto include i titoli di coda (rallentatore, canzone / versione / fotografia ultra stilizzata quasi macro) ma solo il nome del film appare alla fine, funzionante come bellissima introduzione piena del suo stile inconfondibile.

Critica di Espinof

Disponibile su HBO

Anche 'Sucker Punch' ne ha uno "Taglio Snyderder": Diverse star del cinema chiedono l'uscita del montaggio del regista

300 (2006)

300 Titoli finali Contatto 0 1080 0 0

Crediti finali lontano dal suo stile più riconoscibile, ma non per questo meno interessante animazione grafica che cerca di mettere in movimento i cartoni di Frank Miller con il suo stile di disegno spigoloso e schizzi di sangue come tratti di inchiostro rosso. Un piccolo patto di fedeltà con l’opera originale, capolavoro del comico che non ha più bisogno di essere bravo.

Critica di Espinof

Disponibile su HBO

I 37 migliori film basati su fumetti e graphic novel

L’esercito dei morti (Esercito dei morti, 2021)

Elvis

L’ultimo film di Zack Snyder, ‘L’esercito dei morti“È un ritorno al genere zombie con una delle migliori sequenze dei primi titoli della sua carriera, anche se prende senza paura quella di “Zombiland” e rivive alcuni dei suoi momenti migliori in “Dawn of the Dead” con l’interpretazione di Richard formaggio da “Viva las Vegas” con un riassunto scioccante della crisi di Las Vegas, pieno di umorismo, violenza, dramma e ancora violenza, il meglio è quando infrangi le regole e l’azione è sincronizzata con la musica con un avvertimento a uno zombie Elvis Presley, Che salva ancora una volta le migliori idee di James Gunn per il suo debutto. Peccato che il resto del film sia mediocre.

Disponibile su Netflix

Perché

Guardiani (2009)

Watch104watchmen Maintitleseq

I crediti per questo adattamento di Alan Moore, con il classico senza tempo di Bob Dylan “The Times They Are A-Changin” senza country orribile o versioni rallentate, sono probabilmente il miglior esempio di ciò che significa lo stile attuale di Snyder quando esce. Una rivisitazione della storia degli Stati Uniti nello stile di ‘Forrest Gump’ ma rivista con i supereroi, Dall’immagine iconica di un marinaio che bacia un’infermiera dopo la seconda guerra mondiale all’elezione di Richard Nixon per il terzo mandato. Un lavoro espositivo impeccabile per un film quasi all’altezza.

Disponibile noleggio iTunes

Il meglio e il peggio di

L’alba dei morti viventi (L’alba dei morti viventi, 2004)

Dawn

I migliori titoli di testa della sua carriera sono per quello che è ancora oggi il suo miglior film, ma anche il budget più basso e il meno stilizzato dell’intera lista, ma il più efficace e potente. Possono lavorare come fanno per venire dopo una delle migliori scene di apertura del cinema del 21° secolo, ma gestendo il silenzio proprio quando “The Man Eats Around” di Johnny Cash inizia a suonare un tono funereo, apocalittico ed elettrizzante, Combinare la voce lacerata del cantante con immagini di disordini civili, governi paurosi e zombi che attaccano in tutto il mondo, con riferimenti biblici al Libro delle Rivelazioni mette i capelli a posto e riassume meglio di qualsiasi altro film il genere moderno, perché i morti viventi è stato il mostro stellare di una nuova era per l’umanità post-11 settembre.

Disponibile su Movistar

Perché

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba