blog

Perché “Suicide Squad” è il miglior film del DC Extended Universe… e anche superiore alla maggior parte delle avventure Marvel

‘Suicide Squad’ era un film che sembrava destinato a segnare un prima e un dopo per la DC, poiché la Warner era stata molto intelligente nell’approfittare del licenziamento temporaneo di James Gunn dalla Disney per firmare il regista di “Guardiani della Galassia”. Era più di un film in cui il regista aveva goduto di abbastanza libertà per fare e disfare a suo piacimento, qualcosa di molto insolito quando si parla di produzioni intorno al budget di $ 200 milioni.

Data la fredda accoglienza che ha avuto al botteghino, sembra improbabile che Warner e DC vogliano continuare a esplorare questa strada ed è probabile che ‘The Suicide Squadron’ finirà per rimanere una singolarità all’interno del DCEU. Sarebbe un peccato se questo finisse per accadere, così com’è il miglior film in questo universo di supereroi fino ad oggi e anche superiore alla maggior parte delle avventure Marvel.

Armi ben definite

Recuperare diversi attori visti in “Suicide Squad” portando in vita gli stessi personaggi di “Suicide Squad” è stata una decisione scioccante, poiché in nessun momento era stato del tutto chiaro fino a che punto ci trovassimo di fronte qui prima di un sequel, un riavvio o qualcosa di completamente diverso nonostante questa sorprendente coincidenza. Gunn sceglie semplicemente di ignorare e fare con i personaggi ciò che gli piace.

Alcuni hanno detto che “The Suicide Squad” è una sorta di versione multimilionaria di un film Troma, ci sono stati anche paragoni con “Guardiani della Galassia” o “Deadpool” e molti hanno menzionato riferimenti come “Dodici della forca”. ‘. Tutte affermazioni con la loro parte di ragione – anche se questo Troma lo devo dire con la bocca piccola, che ho visto a malapena una dozzina di titoli di questo produttore, anche se di uno di questi già parlavo all’epoca- ma alla fine la cosa veramente importante il fatto è che abbiamo a che fare con un film in cui Gunn ha saputo applica la tua visione del cinema di supereroi su larga scala senza dover tirare il freno a mano in alcun modo.

I film più attesi dell'estate 2021: 19 uscite imperdibili nelle sale e in streaming per sfuggire al caldo

Cosa significa questo? Il primo e più sorprendente è probabilmente l’abbondante uso di sangue, che ci ricorda che dietro questo spettacolo di supereroi si trova la persona responsabile di “Slither: The Plague”. È vero che l’uso del sangue è più misurato di quanto possa sembrare, cercando a volte di essere la base su cui generare simpatia in una fascia di pubblico desiderosa di vedere generose porzioni di emoglobina in un nastro di questa natura. . Qui la sua componente più sgradevole è ridotta al minimo indispensabile per incoraggiare l’idea che il film è molto festoso.

Lo squadrone del suicidio dell'immagine

Inoltre, questa presenza più grafica che violenta è una conseguenza naturale della natura stessa dei personaggi e della storia. Se ci sono eccessi, sono sempre una conseguenza di uno di questi due elementi, con la rivalità tra Bloodsport (Idris Elba) Io pacificatore (Giovanni Sopa) Come principale motivatore di ciò che i cadaveri iniziano ad accumularsi, e non ho il minimo ma cosa mettere al film in questa sezione.

Ed è che questo aiuta anche le scene d’azione ad avere un impatto maggiore di quello a cui siamo abituati su nastri come questo. Potrebbe non brillare quando si tratta di coreografie nei combattimenti, ma abbiamo a che fare con un film in cui le riprese contano molto di più. E qui sia l’approccio che l’esecuzione dell’azione soddisfano alcuni requisiti fondamentali da parte mia: segue chiaramente ciò che accade, il fattore sorpresa è sempre presente e c’è varietà quando si tratta di mostrarlo in immagini invece di affidare tutto a il più o meno fortunato è il lavoro di editing.

Né dimentico la necessità di avere abbastanza forza, non tanto quanto da credere che la stragrande maggioranza dei personaggi possa morire in qualsiasi momento – ce n’è solo uno, e penso che sappiamo tutti cos’è, che non abbiamo mai arrivare a credere che può morire qui, in modo che le morti stesse abbiano un peso reale nella storia e negli altri protagonisti. E Gunn si permette persino di giocare con l’idea dell’accumulo di vittime e poi sorprenderci andando dall’altra parte, ma lo fa con stile e agganciando lo spettatore dal minuto 1 del film.

L’importanza dei caratteri e degli equilibri in eccesso

La scena del film Suicide Squad

Quali ingredienti usa Gunn per raggiungere questo obiettivo? La cosa più importante è dare voce ai loro personaggi, delineando le relazioni che nascono tra loro e poi costruire tutto da loro. Da questa idea, l’autore di ‘Super’ fa molto affidamento sull’umorismo per costruire la storia e i personaggi stessi, introducendo gradualmente un fattore emotivo che sta acquisendo importanza con il passare dei minuti.

Questo è qualcosa che Gunn ha già dimostrato di gestire in modo molto fluido in “Guardiani della Galassia”, ma di fronte alla luminosità di questo gruppo di supereroi Marvel troviamo qui una variante più sporca ma senza scadere nel grezzo. Questo è qualcosa che si trasferisce anche alla sezione visiva del film, dove questa tendenza alla ricerca della bellezza quasi pittorica in cui Zack Snyder a volte faceva troppo affidamento per dare un’altra occhiata a “The Suicide Squadron”.

Lo squadrone suicida di Margot Robbie

Con questo non voglio dire, tanto meno, che ‘The Suicide Squad’ non brilli in questa sezione, poiché ci sono diverse scene o momenti che sono stati registrati immediatamente nel mio cervello, ma lo fa per un altro percorso verso il quale questa overdose di violenza si adatta come un guanto invece di essere un’uscita sonora per stupire lo spettatore. Ecco, questo è qualcosa di perfettamente integrato fin dall’inizio e aiuta anche il fatto che il tono più casual sia un’estensione coerente del DNA del film.

Ovviamente il lato più teppista di “The Suicide Squad” non è lo stesso all’inizio come alla finePerché, piaccia o no, c’è una vera evoluzione all’interno di questo gruppo di antieroi che potrebbe non piacere a tutti, in quanto qui è giusto sottolineare che Gunn segna un percorso che è quello da cui tutti noi possiamo annusare qualche minuto di film. Qui ci sarà chi lo vedrà come qualcosa di prevedibile che rimane nell’insieme, ma in compenso c’è il fatto che è una progressione logica e coerente che non ha problemi ad assorbire quelli che in altri scenari potrebbero essere semplici esplosioni di tono.

Tutti i film DC Extended Universe, ordinati dal peggiore al migliore

Qui l’unica cosa di cui dubito è fino a che punto questo possa incidere sul suo lato più trasgressivo, in quanto Gunn sa dare unità a soluzioni a priori chiamate all’eccesso dall’eccesso. Questo significa che in qualche modo si è piegato alle esigenze della DC? No, ma si questa libertà che ostenta sente far parte di un piano molto ponderato da parte del suo manager, Che permette anche piccole recensioni qua e là o addirittura trasformarlo in uno spettacolo che rivaleggia con il MonsterVerse, ma dando sempre la sensazione di un possibile caos che non vi cade mai veramente.

Finale Lo squadrone del suicidio

A tutto questo bisogna aggiungere un cast molto azzeccato, dove è vero che forse è fin troppo scontato il ruolo svolto da ciascuno dei personaggi, ma è semplicemente quello che serve per formare il gruppo. Nel film del montaggio rinuncia David Ahir l’idea esisteva per realizzarla, ma l’esecuzione era discutibile. Qui il fatto che Gunn sia molto chiaro si trasferisce anche al lavoro degli attori. Per usare un eufemismo, Gunn potrebbe avere un impatto eccessivo sulla componente familiare nell’individuo attraverso un paio di sottotrame, ma niente stonato.

I 29 migliori film di supereroi del decennio (2010-2019)

Sul lavoro degli attori a livello individuale, è difficile non distinguersi soprattutto a Daniela Melchior soprattutto, ma non cambierebbe nulla, dalla capacità di David Dastmalchian per dare corpo a un personaggio che sembrava destinato a ridicolizzare la leadership elbana, attraverso il torbido senso dell’onore di Dinner o il divertimento che ne deriva Sylvester Stallone prestando la sua voce a Nanaue. Si distinguono tutti separatamente e contribuiscono a un gruppo non strutturato che continua a seguire la moda del cinema d’azione recente di rafforzare l’unione con i legami vicini a quelli di una famiglia.

Per riassumere

La scena della squadra suicida

“The Suicide Squadron” è ancora sullo sfondo una concatenazione di eventi meravigliosi di Gunn, ma la chiave è che non c’è squilibrio e un’intenzione chiara in ogni momento che viene rispettata in tutto il suo filmato. Potrebbe esserci un leggero calo di interesse dopo la tua prima ora e prima del petardo finale, più perché il lato più emotivo sta guadagnando presenza per completare le aspirazioni del tuo manager che per qualsiasi altra cosa.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba