blog

Patrick Lussier offre un divertente slasher vecchia scuola senza paura del ridicolo

Ricordi i divertenti anni ’90? Patrick Lussier era una figura importante dietro quella raccolta di titoli di genere e la mano destra dell’allora Cra Craven. Montatore, sceneggiatore e regista, ritorna un decennio dopo il suo straordinario “Blind Fury” con i simpatici “Dolcetto o scherzetto‘, Un divertimento senza pretese pieno di umorismo e desiderio di uccidere persone incapaci.

L’assassino di Halloween

Sempre con il gesto storto per la scarsa rivisitazione della “Notte di Halloween” di Blumhouse, Lussier ha deciso di mettere un po ‘d’ordine nello slasher con il suo ultimo film. “Dolcetto o scherzetto” è un thriller horror pieno di viscere e ferite da taglio che ha la sana intenzione di non fingere di sembrare più di quanto non sia in realtà. Lussier mostra che all’inizio del confuso 2000 non conosceva né paura né vergogna con sequel come “Angels and Demons 3”, “White Noise 2: The Light” o la sua trilogia iniziata con “Dracula 2000”.

Maledetti innocenti e forbici da potatura: nove taglienti che sono passati ingiustamente inosservati

Come se fosse la sesta puntata di un franchise horror consumato dal passare degli anni e dalla mancanza di originalità, Lussier e il suo solito co-sceneggiatore, Todd Farmer, hanno deciso di voltare pagina e fare di questo “difetto” la virtù principale del film. Ed è che questo ‘trucco’ sembra il Bodycount di un franchise a tutti gli effetti. Inoltre, in nessun momento finge di essere qualcosa di più di questo e il suo senso dell’umorismo è nell’aria in questo dannato territorio.

trucco critico

È impossibile negare l’amore sincero che Lussier prova per il genere, soprattutto controllando il suo rapporto con Farmer, e con questo fantastico e in qualche modo slasher rinfrescante con niente da perdere hai dato, forse, alla fine un genere che pur sapendo mostrare sempre campioni di resurrezione potrebbe benissimo seppellire per sempre con questo film interpretato dagli anche molto retrò Omar Epps e Jamie Kennedy, volti popolari del cinema che rende omaggio? questo “Dolcetto o scherzetto”.

Patrick Lussier apre le porte a uno slasher che avvia la bestia, senza tempo per introdurre personaggi che in realtà contano poco o niente. Con uno stile profondamente radicato in questa epoca, manda anche un affettuoso saluto ai giorni in cui non dovremmo scusarci per aver versato sangue e torna anche al veterano Tom Atkins, un volto collegato ai titoli preferiti da qualsiasi fan, come “Maniac Cop”, “The Fog” o “Il terrore bussa alla porta”.

L’Assassino Infinito

Nonostante queste buone intenzioni e giocosità, il film non completa l’opera, anche a causa della trama della ricerca del protagonista, troppo colpito e legato a personaggi che contano ancora meno dei principali, che già lo sono. È interessante notare che, nonostante lo sia un film che ricade nella ripetizione, Questa parte ripetitiva silura una storia che andava a velocità di crociera.

Ancora 1

Sembra anche che a volte Patrick Lussier pensi di essere più intelligente di lui quando si tratta di rivelazioni. Siamo d’accordo che questo piacere colpevole non esiste, ma che questo “Dolcetto o scherzetto” sia esistito potrebbe essere un esempio perfetto. Uno slasher da un’altra epoca che vuole solo annientare quanti più personaggi possibile attraverso una storia deliziosamente sciocca.

Con chi guarda ancora nostalgia per l’era dei neo-slashers post Scream troverai qui materiale di prima classe per una notte di popcorn. Patrick Lussier potrebbe non essere il regista più sottile del mondo, ma il suo amore per il genere è puro come il nostro, e questo è più potente di qualsiasi altro aspetto che entra in gioco quando si tratta di valutare un hobby come questo.

“Dolcetto o scherzetto” sarà disponibile dal 7 maggio presso Rakuten (TVOD) Movistar (box office), Filmin (TVOD), Orange (TVOD) e Vodafone (TVOD).

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba