blog

notevole dramma familiare su Movistar + che affronta abilmente un caso ambiguo di violenza domestica

La domanda posta dall’inizio “Che il lupo sta arrivando” (“Ulven kommer”) è abbastanza imbarazzante e può torcere subito: Cosa succede quando sorgono ragionevoli dubbi sulla veridicità di un caso di abuso domestico? Da qui questa serie danese che può essere vista su Movistar + dopo la sua trasmissione su DR1.

Con l’approvazione di essere stata premiata come miglior dramma ai Robert, i premi della televisione danese, la serie racconta la storia di Holly (Flora Ofelia Hofmann Lindahl), una ragazza la cui scrittura scolastica attira l’attenzione nel narrare il comportamento violento del suo patrigno. Gli allarmi si attivano e il protocollo per questi casi viene avviato.

Le 11 migliori serie del 2021 ... finora

Ecco che arriva Lars Madsen (Bjarne Henriksen), un veterano e silenzioso assistente sociale che dopo aver intervistato Holly e il suo fratellastro Theo (Noah Storm Otto) decide che è meglio separare i bambini dai loro genitori poiché gli indizi dimostrano che c’è un caso di violenza domestica. Tuttavia, i genitori (Christine Albeck Børge e Peter Plauborg) negano categoricamente i fatti e tengono la ragazza li accusa falsamente con ostentazione di ribellione.

Quando la realtà è complessa

La sceneggiatura di Maja Julio Larsen, che crea finzione, approfondisce il dramma affrontare il complesso della questione. Inoltre, evita consapevolmente di mostrarci prove inconfutabili … facendo sì che questa sia più una “sua parola contro la nostra” che, in assenza di prove fisiche (la cosa più palpabile è che il piccolo ha intonacato dopo un incidente su le oscillazioni), è più difficile da discernere.

Che Holly conti sia vero o meno, il “male è già fatto”, come si suol dire. In caso di dubbio, la separazione è una priorità e questo sarà l’asse su cui si costruisce il dramma familiare. Come ho detto all’inizio, è una premessa che può essere distorta seguita da puri istinti e ideologie, tuttavia Larsen riesce a trovare un equilibrio quando si tratta di esplorare l’ambiguità del caso che ci permette, come spettatori, di vederci più sotto la pelle del perplesso istinto dell’assistente sociale gli dice una cosa ma i fatti un’altra.

Lo stile calmo del libretto (non dimentichiamo che questo è un dramma scandinavo) spegne i sentimentalismi che potremmo aspettarci da un certo numero di queste caratteristicheS. Anche se questo può essere un vantaggio, perché non cade in queste trappole, è un po ‘carente. Il che non vuol dire che le scene più emozionanti non funzionano. Lo fanno e molte volte grazie alla dedizione di Larsen nell’empatia con ciascuno dei protagonisti.

Un dramma intelligente che trova sempre il suo equilibrio

That Comes Wolf

Nel complesso ‘Coming the wolf’ funziona molto bene grazie alla costante ricerca di un equilibrio, non sempre facile da raggiungere, in una serie il la sceneggiatura è prodotta in un mare di incertezze in cui nulla sembra essere ciò che appare o ciò che ci viene detto. Ma questo non è un dramma di segreti e bugie, ma della complessità della convivenza in una famiglia “ricostituita” e delle ramificazioni di ciò nella personalità di ciascun membro.

Riconosco che, nonostante l’interessante argomento da affrontare e penso che il buon gusto qui nel presentare la storia sia fondamentale, la serie diventa un po ‘pesante nelle sue sezioni intermedie e proprio il suo approccio alla lentezza del processo, della ricerca e dei chiaroscuri non lo rendono abbastanza teso da tenerci con il fiato sospeso.

Questo è ciò che potrebbe tirarci indietro un po ‘quando si tratta di vedere “Coming to the Wolf”, che arriva sulla scia di altre recenti fiction come “Believe Me” e “Infamy” per quanto riguarda il mettere al centro più che il caso stesso l’affidabilità del dito accusatore e, secondo me, è un po ‘indietro rispetto a questi. Il che non vuol dire che la serie non sia degna di nota nella sua esplorazione di questi grigi morali e sociali.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba