blog

Night Harasser: A caccia di un serial killer (2021) recensione: un vero noir

“Night Stalker: The Hunt for a Serial Killer” (2021) è una miniserie Netflix di quattro episodi che cerca di documentare le indagini su un’ondata di crimini brutali che continua. A partire dal giugno 1984 fino alla primavera del 1985, per catturare al famigerato serial killer Richard Ramirez, soprannominato “The Night Stalker”, Responsabile dell’uccisione di almeno 14 persone e dell’abuso e dell’aggressione di molte altre.

La serie è intesa come uno studio del processo di polizia, pieno di immagini della scena del crimine e di file multimediali che approfondiscono i dettagli orribili che circondano i loro attacchi e gli sforzi della polizia per identificarli e trovarlo. Un approccio non diverso dagli altri vero crimine come “The Yorkshire gutter”, con la differenza che “Night Harasser ‘non è così scettico nei confronti dell’istituzione e viene sollevato quasi come una celebrazione.


Nightstalker2

Un LA Noir da un romanzo

Il regista della miniserie, Tiller Russell, Spiegato sull’approccio alle persone:

“C’è questa incredibile tradizione nera di Los Angeles che risale a Dashiell Hammett e Raymond Chandler, a storie contemporanee, come il film di Tarantino ‘C’era una volta … a Hollywood’, stranamente, non ha mai raccontato la narrativa definitiva di questo iconico Storia di Los Angeles.

Le 19 migliori serie di documentari sui criminali


Certo, si può dire che la serie è un buon approccio al noir cinematografico, poiché nelle sue quattro ore pone la narrazione come un libro divertente di James EllroyPieno di dettagli tremebund e tracce ben incollate in una custodia che consente soprattutto questo tipo di approccio. Ma una cosa è questa e un’altra dimenticare che stiamo parlando di un caso reale, in cui le vittime sono reali. Russell preferisce concentrarsi su personaggi più grandi della vita del dipartimento dello sceriffo di Los Angeles, Frank Salern e Gil Carillo, che a metà degli anni Ottanta guidarono le indagini.

Carrillo e Salerno sono essenzialmente le star dell ‘molestatore notturno‘, Il giovane poliziotto che assiste una celebrità per il suo lavoro sugli omicidi di Hillside Strangler, che è interpretato quasi come Clint Eastwood. Come se fosse un film del regista, abbiamo raccolto dettagli personali che rendono la storia di Carrillo un interessante viaggio latino, molto classico nei film d’azione degli anni ’80, incorpora persino tropi come bere, o l’assenza da casa e le preoccupazioni di sua moglie, per la sua “ossessione per il caso”, come se fosse un film dell’epoca con Mickey Rourke.

Nightstalker

Scuse della polizia senza contrappunto

Appena la presenza dei giornalisti che coprirono la vicenda in quel momento, Tony Valdez, Laurel Erickson e Zoey Tur, Rompono il contrappunto, che sembra un estratto da “Nightcrawler” (2014) con dettagli sulle interferenze della polizia e rivelazioni che sembrano assomigliare alla trama di “The Red Dragon”, mentre le dichiarazioni dei parenti dei morti, e alcuni vittime della pedofilia di Ramirez, cercate di trovare un equilibrio in cosa può solo essere descritto come un trattamento senza tatto e rozzo degli omicidi, con foto di spicco delle vittime morte incluso.

Questo non lo rende meno divertente, certo, le ricreazioni dei luoghi chiave sono fantastiche e il tono cupo riesce a trasportare il tempo, ma il patto con il diavolo non ha tanto a che fare con Ramirez e le sue pratiche quanto la riverenza incondizionata ai poliziotti che narrano il documentario. In alcuni veri crimini moderatamente gravi si può sentire un ufficiale di polizia vantarsi di un metodo così poco ortodosso come la brutalità della polizia..

Falzon

“Non è stato il mio tiro migliore, ma sicuramente non è stato il peggiore. Ha alzato le mani a croce” e ha balbettato: Richard Ramirez. Richard Ramirez. Richard Ramirez “.

Questo è il culmine della ricerca negli ultimi minuti del terzo episodio, quando il detective di San Francisco Frank Falzon ricorda come ha localizzato un amico dell’assassino e descrive con entusiasmo il momento in cui ha trascinato con la forza l’informatore – innocente – nella sua macchina della polizia, lo ha minacciato e gli ha dato un pugno in faccia mentre la musica si fa più intensa, da tagliare al cliffhanger. Che la ricerca della catarsi cinematografica non venga rovinata da un “minuscolo pecadillo” di brutalità poliziesca.

La deludente omissione dell’assassino

Ma il disegno incondizionato dei poliziotti come eroi non è un ostacolo al fatto che qualcuno abbia la capacità di giudicare da sé ciò che viene presentato sullo schermo, il problema è che ‘Night Harasser’ crede così tanto nel suo film che dimentica qualcosa di molto importante in True Crime: l’assassino. Perché Ramirez sta intraprendendo la sua ondata di crimini? Perché le doghe? Perché tutti i tipi di vittime? non approfondisce né chiarisce nulla di tutto ciò, nemmeno alcun contesto per le ragioni.

13 film basati su veri assassini per trascorrere una terrificante notte di Halloween

Niente dalla sua vita in Texas, dove Ramirez ha subito gravi abusi da parte di diversi membri della famiglia, Con facili paralleli da collegare con la sua carriera di predatore sessuale, o con la pioggia di immagini orribili della guerra del Vietnam in una tenera età impressionabile a cui fu sottoposto. Ramirez ha iniziato a sostenere di adorare Satana quando era ancora un adolescente e di aver commesso violenze sessuali all’età di 20 anni. L’elemento del satanismo è trattato come un aspetto inquietante senza entrare nel contesto del tempo.

Il rapporto di feedback delle dichiarazioni di Ramirez con il Panico satanico degli anni ’80 e ’90 è sostituito da una presunta influenza satanica reale che riduce le espressioni del tipo “L’ho guardato negli occhi e ho visto il male“O”era lo stesso demone“, Ignorando le implicazioni della gratificazione e del potere sessuale, la ricerca della notorietà e della fama e altri aspetti ben documentati. Nel cambiare preferiscono presentare la serie come” Devil’s Night “(The First Power, 1990), con Lou Diamond Phillips e una visione sensazionalista degli aspetti colorati del caso che sembrano cercare di ravvivare le braci dell’ondata di panico morale di quasi 40 anni fa.

Risparmia oltre il 20% sull'abbonamento annuale o mensile a Disney + prima del 23 febbraio.

Risparmia oltre il 20% sull’abbonamento annuale o mensile a Disney + prima del 23 febbraio.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba