blog

Netflix reinventa le fate in una fantastica serie per adolescenti priva di identità

La cosa “cattiva” che ha fatto ‘Harry Potter’ è che è molto difficile vedere qualcosa che si muove attraverso un terreno simile senza che ci arrivi il tufo che abbiamo già visto nella saga del mago britannico e altri prima. Questo e la tendenza di Netflix a prefabbricati o almeno per standardizzare gli elementi che li fanno funzionare, Non è certo una sorpresa in “Destination: The Winx Saga”, la sua nuova serie fantasy per ragazzi.

La serie, la prima stagione composta da sei episodi, segue la storia di Bloom, una giovane fata appena arrivata ad Alfea, centro di addestramento per giovani maghi in un altro mondo. Gli occhi nuovi di Bloom, da genitori umani, ci servono per introdurci in questo mondo di adolescenti qualificati mentre le prime minacce ed enigmi ruotano attorno alla vera origine del protagonista.

'Harry Potter', dalla luce al crepuscolo: è così che si è evoluto il trattamento visivo della saga

Sviluppato da Brian Young, Che abbiamo visto in ‘Vampire Chronicles’, ‘Destination: The Winx saga’ prende i personaggi della serie animata di Iginio Straffi per reinventarli in un contesto che già amplia quanto già visto ma, a sua volta, funge da serie indipendente che beve dalla contemporaneità in tutto il suo splendore.

Al centro e accanto a Abigail Cowen come Bloom, abbiamo un cast principale composto da Hannah van der Westhuysen (Stella), Precious Mustapha (Aisha), Eliot Salt (Terra), Elisha Applebaum (Musa), Danny Griffin (Sky), Sadie Soverall (Beatrix), Freddie Thorp (Riven), Eva Birthistle (Vanessa), Robert James-Collier (Saúl Silva), con Lesley Sharp (Rosalind) ed Eve Best (come regista Farah Dowling).

Giovane adulto fanfic

Ero un po ‘curioso di vedere dove sono usciti con questa serie. La sua contemporaneità sì prefigurare un po ‘di più tirando sulla finzione più oscura ma consapevole di “The Magicians”, per mettere una serie comparabile. Tuttavia l’età dei protagonisti ci porta più verso qualcosa di più convenzionale come una serie di istituti con ambiente magico.

Quasi appena all’inizio abbiamo già problemi di storie d’amore ormonali e entourage, insicurezze tipiche di un’epoca e, per inciso, occasionali sovra-spese. Sia che ci concentriamo sul genere “scuola superiore” o sul genere “fantastico”, è impossibile non pensare che stiano seguendo le istruzioni su come realizzare questo tipo di serie in dettaglio. E ci sono persino situazioni ad Alfea che sono troppo simili alle trame avvenute ad Hogwarts e ad altre saghe giovanili.

Netflix sta aprendo la strada a nuove produzioni per adolescenti

L’incapacità della serie non riuscire ad andare molto oltre i propri referenti finisce per diluire la loro identità. Al di là di “Destiny: The Winx Saga”, avendo i suoi elementi di differenziazione che identificano questa finzione, la sensazione di “l’ho già visto”, di troppa familiarità nelle storie e dinamiche tra i personaggi, non aiuta a dargli forza .

Indipendentemente da questa condizione, potresti praticamente descriverla come fanfic, La narrativa soddisfa più nella sua parte adolescenziale che nella sua parte fantastica, o almeno penso che funzioni meglio qui rispetto a quando vogliono costruire il mondo magico in cui ci muoviamo. Durante i suoi sei episodi non c’è quasi alcun fattore di sorpresa e i trigger della trama arrivano un po ‘in ritardo.

Che in breve non aiuta ad avere l’impressione che al di là del tuo spirito adolescenziale, “Destination: The Winx saga” è una serie che ha fallito nella sua proposta. Più per mancanza di desiderio che perché hanno o non hanno potenziale.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir arriba