blog

“Michael Jordan è Space Jam.” Il regista dell’originale ‘Space Jam’ accusa ‘New Legends’ e svela il cameo ideato dalla leggenda dei Bulls

Nonostante le critiche devastanti che ha ricevuto e che lo etichettano più come una strategia di marketing selvaggia che come un lungometraggio in uso, “Space Jam: New Legends”, che esce oggi venerdì nelle sale spagnole, sta funzionando come un’eccezione negli Stati Uniti . Ed è quello è difficile resistere al fascino imperituro dei Looney Tunes e il magnetismo di una stella come Lebron James.

Un cameo “molto personale”

Ma al di là di questi elementi chiave, la continuazione del titolo cult del 1996 avrebbe potuto avere un ospite speciale che li avrebbe oscurati in una manciata di secondi. Mi riferisco, ovviamente, alla stessa cosa Michael Jordan, il cameo è venuto a posare per poi prendere fuoco e vedersi ridotto a una gag con un certo attore dal nome simile a quello della star del basket: Michael B. Jordan.

Cinema e basket: i 13 migliori film con gamers, compagni e canestri all'ultimo secondo

Ecco come lo ha spiegato il regista Malcolm D. Lee in un’intervista con Intrattenimento settimanale.

“Durante le riprese, Mike ha attraversato il set un paio di volte ed è uscito con LeBron, e poi qualcuno ha rifiutato il suggerimento. [de que hiciese un cameo]. Avevo un piano, ‘È una buona idea, e se sei disposto a farlo, proviamo-‘. Certo, la scena del camerino era lunga e non sapevo se saremmo stati in grado di farcela. Perché c’è un po’ più di interazione tra lui e LeBron che abbiamo finito per tagliare. Ma è una delle migliori battute che ho incluso in uno dei miei film. Non c’è altro film in cui avrei potuto aggiungere questa battuta. La Warner Bros. voleva usarlo nella campagna promozionale, ma non hanno potuto farlo, perché lo scherzo è troppo bello per essere sacrificato”.

Anche se la breve gag con Michael B. Jordan ha la sua grazia, se è stato possibile è perché è improbabile che l’altro Michael Jordan – che non ha la B in mezzo – abbia accettato di apparire su ‘Space Jam: New Legends’ . Nonostante questo, Malcolm D. Lee aveva un’idea in mente per dare alla star del basket il suo momento d’oro nel film, Basato su una delle sue frasi più virali, ascoltata nella celebre docuserie ‘The Last Dance’.

“Ci siamo aggrappati a un piccolo alone di speranza, ma sapevamo anche che le probabilità sarebbero state molto remote. Soprattutto dopo la prima di “The Last Dance”, era nei piani, dobbiamo fare qualcosa, anche se è una scena post- crediti con Bugs che gli mostra il film e gli dice “Cosa ne pensi, Doc?”, e Jordan che risponde “L’ho preso come una cosa molto personale”. Volevo farlo! il nostro film è il nostro film e “Space Jam ‘ è ‘Spazio marmellata’ ”.

Una risposta “ancora più personale”

asd

Quello che sembra aver preso “New Legends” in un modo molto personale è che Joe Pytka, Il regista dell’originale “Space Jam”, che nel 2016 ha già commentato che gli sembrava “Ridicolo cercare di farne un film diverso”. Con sorpresa di nessuno, il signor Pytka non è stato divertito da ciò che ha visto nel sequel, inclusa una colonna sonora che considerava “insignificante” e un Bugs Bunny che “Sembra uno di quegli animali di peluche che compri al negozio di souvenir dell’aeroporto da portare a tuo figlio quando un viaggio di lavoro è troppo lungo.”.

Il regista è chiaro; un nuovo film “Space Jam” non potrebbe funzionare senza Michael Jordan, perché “‘Space Jam’ È Michael Jordan”. Quindi lo ha condiviso con i media TMZ.

“Ho lavorato con tre persone che hanno la qualità unica di muovere le persone, qualunque cosa accada; le vedono e la magia inizia: Michael Jordan, Michael Jackson e Madonna. Tutti e tre hanno questo attributo che fa entrare immediatamente in contatto le persone con loro. “E non li conosci affatto. E nessun altro li ha. LeBron è un fantastico giocatore di basket, è tra i primi 20 di tutti i tempi. Ma non è Michael. Dovrebbero chiamarlo ‘Space Jam 2’ o qualsiasi altra cosa . Dovrebbe essere un altro film. Non è “Space Jam”. “Space Jam ‘è Michael Jordan. Non importa quanto LeBron voglia essere un grande giocatore – lo è – non è Michael Jordan. Non ci sarà mai un altro Michael Jordan”.

La verità è che, senza entrare nel merito dell’opinione del signor Pytka, non può essere più chiaro e più forte.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba