blog

“La stagione 4 di ‘Elite’ è più sfacciata. Le precedenti lo erano già, ma ora lo sono ancora di più.” Carlos Montero (co-creatore della serie Netflix)

Venerdì prossimo, 18 giugno è la data scelta da Netflix per presentare in anteprima la quarta stagione di “Elite”. Devi ancora aspettare qualche giorno per vedere i nuovi episodi, ma in Espinof abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Carlos Montero, Uno dei creatori della serie, soprattutto quello che ci aspetta avanti. Una buona merenda per rendere più sopportabile l’attesa

I cambiamenti della quarta stagione

Carles, come è cambiato il tuo ruolo nella serie nella quarta stagione rispetto alle precedenti?

Non è cambiato molto, perché non scrivevo nel secondo e nel terzo. Ebbene, nel secondo un capitolo, ma il coordinamento è stato preso da Darío ed io ero già nella produzione esecutiva. Qui rimango lo stesso. Sono a tutte le riunioni di sceneggiatura, se decido molte cose sulla sceneggiatura, ma poi non scrivo. Il cambiamento soprattutto è che prima c’era Darío e ora è Jaime Vaca, che sono due persone diverse con energie diverse, ma i due sono molto amichevoli e ho lavorato con loro per molti anni. In questo senso, la transizione è stata molto naturale e logica, davvero.

Da

Cosa ti ha portato a scegliere Jaume Vaca come nuovo showrunner?

Jaume aveva già esperienza come creatore di serie con “L’altra mirada”. Lo conosco da “Fisica o Chimica”. Quando ho lasciato la serie, ho lasciato lui e Carlos Ruano a coordinare… E Jaume era con noi dalla seconda stagione di ‘Elite’. Era la cosa più logica da fare ed era felice di subentrare.

Scena Elite Stagione 4

Oltre ai nuovi personaggi, qual è la principale novità della quarta stagione rispetto alle precedenti?

L’universo rimane lo stesso, il tono più o meno lo stesso. Ovviamente Jaime ha impressionato il suo carattere e la sua energia, qui si nota. Il grande cambiamento è che la sua personalità è lì, e poi la serie è molto forte, è molto fresca, è più sfacciata. Lo era prima, ma adesso lo è ancora di più.

Elite: tutto ciò che sappiamo sulla stagione 4 della serie Netflix

Come è nato il progetto “Elite: Short Stories”?

Tra Netflix e noi. Entrambi Netflix volevano espandere un po’ l’universo e io e Darío avevamo tanta voglia di raccontare, di chiudere qualche storia, di riprendere personaggi che non c’erano più. Si è presentata la possibilità di farlo. Ho inventato questo formato di racconti di tre brevi capitoli per raccontare una storia. Siamo super orgogliosi, perché all’inizio è stato un po’ vertiginoso scrivere in questo formato, ma poi abbiamo trovato qualcosa di veramente interessante qui, perché è più intimo, più piccolo. Non essendo legato a una trama misteriosa, puoi esplorare altre cose. Non vedo l’ora di vederti vedere cosa ne pensi. Darío ed io siamo molto felici.

È nato prima o dopo la quarta stagione?

È stato scritto quasi per tutta la quarta stagione e ci risiamo, sì. In effetti, James stava lavorando al quarto mentre Darius e io stavamo scrivendo “Elite: Short Stories”.

I nuovi personaggi

Elite Stagione 4 Nuovi personaggi

Dei nuovi personaggi, la firma di Diego Martín attira la mia attenzione, è stato più facile averlo in mente per il personaggio di Benjamin?

Ci è piaciuto molto Diego e ha un’esperienza più che provata. In quel senso è stato più facile, ma quando abbiamo scritto il personaggio non abbiamo pensato a nessuno in particolare. Poi quando viene fuori il suo nome è fantastico. È fantastico nella serie ed è la prima volta che un personaggio adulto ha così tanto peso.

19 grandi film e serie che smantellano il mito dell'amore romantico di Hollywood

Nel caso di Ari, Patrick, Mencía e Phillippe, hanno tutti la loro trama romantico-sessuale, quale di loro era quella che è emersa prima nel processo di costruzione della quarta stagione?

Penso di Patrick. Ci è piaciuto molto esplorare il tema delle relazioni aperte in modo così esplicito. Inoltre, volevamo mettere un personaggio molto potente nel mezzo di questa relazione tra Omar e Ander che tutti vogliono così tanto. Sapevamo che Patrick, prima come personaggio e poi con Manu Ríos, era il modo migliore per scuotere quel rapporto.

Attori Elite Stagione 4

E cosa diresti che ciascuno dei nuovi personaggi porta a “Elite”?

In questa stagione parliamo principalmente di privilegio. Sono quattro personaggi più ricchi dei ricchi. Nelle altre stagioni si ruotava più intorno allo scontro con i poveri in arrivo. Qui ci piaceva giocare al contrario, loro sono più ricchi e privilegiati. Ne sono consapevoli e piuttosto capricciosi. Ha un ego molto grande. All’inizio potrebbero anche innamorarsi abbastanza di te, ma inizi subito a prenderti in simpatia, perché il loro ego funziona un po’ come una barriera per non soffrire.

Nel caso di Phillippe, quali referenti sei riuscito a costruire un principe del nostro tempo?

Ne parliamo molto. Alla fine è un mix tra film totalmente di fantasia come “Princess by Surprise” in cui tutto è molto una bugia, ma volevamo che avesse anche un po’ di quell’aria di glamour. E poi vai un po’ a vedere gli eredi delle corone come sono, quel poco che puoi leggere, soprattutto dalle riviste del cuore. Insieme state facendo una miscela.

Il futuro di ‘Elite’ (e dello stesso Montero)

Scena Elite Stagione 4

La quarta stagione è in parte un nuovo inizio, perché rimane parte del cast ma un’altra parte è nuova, come vedi il futuro di “Elite” quando nessuno degli attori originali è rimasto?

Qui dovremo vedere se il marchio è abbastanza forte da reggerlo. Nel quarto vedremo, perché nel quarto i nuovi hanno molta forza e risalto. Crediamo che se la quarta stagione funziona, ci sarà “Elite” per un po’.

Ora che “The Paper House” sta per finire, c’è qualche possibilità che Christian e Nano tornino nella serie o la loro storia nella serie è già conclusa?

Non lo so, davvero. Jaume è già in ‘El Cid’ e Miguel avrà mille film. È solo che sono entrambi fantastici e non gli manca il lavoro. Non credo che abbiano molto interesse a tornare a “Elite”. Se volessero tornare, ovviamente cercheremmo un modo per adattarlo.

Christian Nano

Con la fisica che è la serie, forse ancora di più in questa quarta stagione, hai dovuto apportare modifiche per il coronavirus?

Ovviamente tutti i protocolli dovevano essere seguiti e tutti gli attori hanno la PCR ogni settimana, non so se antigeni ogni tre o quattro giorni… Certo, ma una volta finita, no. Sapevamo che dovevamo girare “Elite” come è sempre stato girato, perché in caso contrario, era un’altra serie. Sarebbe molto ridicolo per “Elite” non avere tutta questa parte fisica. L’abbiamo considerato dall’inizio, soprattutto perché penso che fossimo la seconda serie ad iniziare le riprese con l’intera pandemia. All’inizio non sapevamo bene come farlo, ma tutti abbiamo deciso che se il protocollo fosse stato seguito rigorosamente, si sarebbe potuto fare come al solito.

Quale personaggio di qualsiasi altra serie pensi che potrebbe adattarsi bene all’universo “Elite”?

Beh… non lo so. Mi vengono in mente gli attori, ma i personaggi… È solo che questa serie ha un tale universo tutto suo che penso che qualsiasi elemento esterno possa essere distorto. Penso… potrebbe esserci una “Casa di carta”? È che hanno così tanta forza che vorrebbero attraccare alla scuola il secondo giorno. Non lo so.

Infine, cosa puoi dirci di ‘Fair’?

Siamo felicissimi. Ieri stavo guardando il montaggio dei capitoli 7 e 8. Penso che sia una serie che sorprenderà molto perché ha un tono molto nuovo. È un mix tra thriller, fantasy e horror. Lascia la testa disturbata di Agustín Martinez, che è principalmente una serie di lui. Gli sto dando una mano e sono felice che il mio nome sia qui.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba