blog

la serie Netflix riesce a prendere le distanze dal film … avvicinandosi al presente

La prima stagione di ‘Snowpiercer: Snowbreaker’ prefigurava che questa serie Netflix fosse una scoperta di un fallimento creativo, che porta a scommettere per raccontare una storia solo per fare soldi. E nonostante gli elementi interessanti, il risultato era così inferiore al film Bong Joon-Ho che sembrava così. Ma con questa seconda stagione le cose sono migliorate molto.

La storia di un treno di più di mille vagoni

Quando la prima stagione di ‘Rompenieves’ è stata presentata in anteprima, qualcosa aveva un odore un po ‘fumoso: sia il regista del pilot originale, Scott Derrickson, Come il primo showrunner, Josh Friedman, Aveva abbandonato il progetto a causa di differenze creative. Sembrava che la serie avrebbe preso una strada molto diversa da quella pianificata.

Snowpiercer

Per lo meno, non c’era tensione sessuale tra i due

Abbiamo indicazioni di come fosse il suo punto di partenza (più oscuro e con più risalto delle classi inferiori), anche se possiamo giudicare cosa Graeme Manson, il suo showrunner, Raggiunto: una serie interessante, ma a cui mancava qualcosa.

Quello che era iniziato come un complotto criminale, con il detective Andre (Daveed Diggs) Indagando su alcuni omicidi, è finito in una rivolta che ha ottenuto l’impossibile: riconoscere i passeggeri in coda e ridistribuire la ricchezza in mezzo a una pace tesa, sull’orlo del collasso.

Bong Joon-ho era già un insegnante di cinema prima di 'Parasites'

andiamo, si è passati da una procedura penale al racconto di ciò che è accaduto nel film, ma senza il potere visivo del regista coreano e la zavorra di alcuni capitoli che non sapevano molto bene quando finire. Andiamo, non eravamo eccitati qui. E, naturalmente, cosa restava da spiegare?

Fortunatamente, la risposta va a vantaggio di tutti gli spettatori: restava da spiegare cosa fosse veramente interessante.

E sono arrivati ​​i rinforzi

La pace non dura troppo a lungo nel ‘Breaker’: Wilford (Sean Bean), Il creatore del treno e il suo motore perpetuo, questo a cui Melanie (Jennifer ConnellyAbbandonato al suo destino, torna ansioso di prendere quello che considera a bordo della Grande Alice, un treno di rifornimenti alimentato dallo stesso motore del treno di mille vagoni.

Così Wilford attacca la Grande Alice allo Snowbreaker e inizia un gioco di poteri contro due forze antagoniste costrette a mettersi d’accordo (Melanie e Andre).

'Snowpiercer: Snowbreaker': le differenze tra la serie trasmessa da Netflix, il fumetto originale e il film Bong Joon-ho

La differenza principale è che Melanie poteva essere fredda e continuatrice con alcune delle politiche di Wilford (il ragazzo ha progettato aperture per estrarre le braccia e amputarle), ma era umana. Wilford va molto oltre nella depravazione e si preoccupa molto poco dei mezzi, persino della vita dei passeggeri, per raggiungere la sua fine., Che è la riconquista dei Rompenieves.

La guerra fredda, e mai meglio dirlo, tra di loro è la spina dorsale di questa seconda stagione, mentre l’arrivo di un leader che alcuni adorava viene radiografato nel passaggio.

L’arte che imita l’argilla

Forse quello che mi colpisce di più, e che mi piace, e spaventa, di questa seconda stagione è la cosa terribilmente simile che hanno fatto alla politica americana. Dopo tutto, uno dei punti principali della discussione è che come è possibile per un ragazzo violento e capriccioso come Wilford ottenere il favore della gente.

Sean Bean e Snowpiercer

Perché nonostante non abbia Wilford in un giorno al timone dello spazzaneve (che abbiamo scoperto nella prima stagione), ci sono molte persone che credono di dovergli la vita per aver fatto il treno. E così è, comunque Quanti sono disposti a cedere la propria anima, nonostante sappiano che Wilford sabota deliberatamente il proprio treno per comandare?

Qui sta l’interesse di questa serie, ora e per le stagioni future: c’è il lato di chi non è disposto a sacrificare nulla a favore di un narcisista inarrestabile, non importa quanto prometta pace sociale (che, infatti, sta alterando ) e coloro che credono di poter guardare dall’altra parte perché non li riguarda direttamente.

Le 21 migliori serie di fantascienza che puoi guardare su Netflix, HBO, Amazon Prime Video e Disney +

C’è un istante, una frase, che quasi mi fa cadere dal divano dopo essere stato tenuto con il fiato sospeso: dicono che a chi è in terza classe non importa chi è al potere, che sia Melanie, Andre o Wilford, perché per loro la vita è sempre la stessa. Risuona ancora nella mia testa, non posso fare a meno di tornarci ogni volta che vedo il telegiornale o cammino per strada.

Snowpiercer Sean Bean Diggs faccia a faccia

Da che parte stai?

Con questa frase, con questo approccio, con questo degrado morale di molti dei suoi passeggeri in nome di una vaga promessa che le cose andranno meglio se lasceranno che altre persone soffrano o siano denigrate, ‘Rompenieves’, la serie, riesce ad andare avanti. alla fine nel film l’approccio è stato più diretto (anche se, occhio, non per questo meno accurato).

Perché non si tratta più del bene e del male, ma di tutti i grigi nel mezzo: Va dalle persone che fanno, da quelle che lasciano andare, da quelle che comandano e da quelle che lasciano il tabellone. Ed è spaventoso, ovviamente, perché forse, forse, riconoscerti in uno di quei personaggi meravigliosi e complessi può aiutarti a capire meglio cosa c’è intorno a te. Non riesco a pensare a un elogio migliore per una finzione.

Problemi tecnici nel carro

Snowpiercer Hug

Certo, solo perché la serie è eccellente a livello tematico non significa che tutte le sezioni funzionino allo stesso modo. Non ha senso chiedere ai registi della serie il livello di Bong Joon-Ho, ma c’è una caricatura visiva. Almeno i momenti più sconvolgenti vengono trasportati con facilità e c’è una scena, con il treno che scende una curva infinita e numerose luci rosse nei finestrini, che riesce a sorprendere.

L’unico aspetto negativo che posso davvero esprimere è che ancora non sa come concludere un episodio, E non perché si tratti di filmati (tipici di Netflix), ma perché quasi ogni capitolo concatena le conclusioni delle trame senza saper girare.

Passeggeri sul treno

Snowpiercer Bean Connelly

La consegna della fiaccola dell’antagonismo

A livello di recitazione, questa è la stagione di Sean Bean, che per molto tempo non lo vedeva tanto felice quanto un brutto lavoro. Un’altra interessante aggiunta è Rowan Blanchard come Alex, la figlia perduta di Melanie, che lavora come ingegnere e lotta tra la lealtà a Wilford o l’affetto per sua madre.

Connelly, a proposito, può finalmente giocare qualche carta in più rispetto al leader freddo con un cuore tenuto al botteghino, Anche se Daveed Diggs non riesce a credere che, dopo aver vinto una rivoluzione, dovrà combattere in un’altra guerra. Una terza tappa è Mickey Sumner, Come Bess, che lascia il suo incarico di guardiano per diventare un agente di polizia e assistere in prima persona alla rivolta di classe a favore di Wilford.

Alison Wright In spazzaneve

Nel complesso il livello del cast è eccellente sia nella sceneggiatura che nella regia si destreggiano in modo che le oltre trenta persone secondarie che popolano il treno abbiano una vita e un’agenda, Ma c’è un’altra attrice che si distingue al livello di Bean: Alison Wright nei panni di Ruth, dal servizio di ospitalità spazzaneve. La sua caduta dell’amarena rispetto a Wilford è ciò di cui la serie ha bisogno per sigillare il suo discorso: ci sono persone che, finché non vengono toccate, preferiscono non cambiare punto di vista.

I migliori film Netflix nel 2021 (per ora)

Non vorrei concludere senza evidenziare il compito di traduzione e adattamento incaricato Maria Sieso, Juan Miguel Valdivieso io David Suárez per la versione spagnola, così come il doppiaggio di Lussuoso. Nella versione spagnola c’è un livello molto alto, ma voglio evidenziare il lavoro di Jordi Boixaderas, Che interpreta già un malvagio Wilford come Bean, già Lola Oria, il che ti fa capire il cambiamento di Ruth alla perfezione.

Il viaggio continua

La fine di questa seconda stagione ti lascia desiderare molto di più per un semplice motivo: il discorso che ci ha presentato finora non è finito nelle nostre vite. Non è logico chiedere a una finzione le risposte che non abbiamo, ma non si perde mai la speranza di fronte alla sua terza stagione.

Dopotutto, questo treno di mille e trentaquattro carri gli ha chiesto solo di continuare con il livello competente della prima stagione, e ha consegnato più di quanto si aspettasse. Vorrei fosse solo una finzione.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba