blog

Il racconto della cameriera

La tabella di marcia di Bruce Miller per la stagione 4 di “The Maid’s Tale” è culminata in un tratto rischioso. Rischioso non nel senso di essere uno stacco, ma perché, pur essendo una fase prevedibile, la sua transizione sarebbe difficile. molto difficile. La serie Hulu trasmessa da HBO Spagna ha affrontato un processo di riadattamento la vittima è stata l’interesse.

E mi fa arrabbiare, perché proprio come Bart Simpson ha fermato il video nel momento esatto in cui il cuore di Ralph si spezza, possiamo individuare esattamente dove quest’ultima svolta inciampa e inizia a dare coleotteri cercando di non cadere. A proposito, da qui: SPOILER.

Oh, Canada

Vedi che la stagione è iniziata abbastanza bene, con June (Elisabeth Moss) e i suoi alleati cresciuti che cercano di non ricadere nelle grinfie dei loro proprietari di Gilead. Un nuovo capitolo nella vita della donna ormai fuorilegge che ci ha tradito momenti davvero memorabili e immagini potenti in cui il protagonista è stato ripreso, è fuggito insieme a Janine (Madeline Brewer) e alla fine è riuscito a varcare il confine con il Canada all’equatore della stagione.

Già nel round di apertura della stagione 4 di “The Maid’s Tale” ci hanno mostrato delle briciole di pane di quello che ci aspettava in questo atto finale della serie. Proprio come i bambini erano fuori posto quando si sono trovati improvvisamente lontani dalle uniche famiglie che abbiano mai incontrato, June è disorientata a navigare tra traumi e stress post-traumatico.

Bruce Miller aveva una sfida davanti a sé: mostrare questa nuova realtà per giugno e per gli spettatori. Ed eccolo qui dove si nota cosa succede quando la costruzione di un mondo è povera fin dall’inizio e non si è mai sviluppato. Sebbene avessimo già visto la scena canadese, il sottosviluppo di questo subuniverso della serie gioca molto contro il ritmo della serie.

rompere Gilead

THT Ep402 D42 Sg 0241rt

Questo si traduce anche in qualche vertigine di pernice con trame come quella dei Waterford, con Serena incinta e Fred che vede in questo un’opportunità non solo di riconciliazione ma di “negoziare” la loro libertà. Una trama che si fa pesante e che nemmeno l’irruzione come un turbine della sua ex cameriera gli dà più forza.

June è notoriamente sconvolta (come previsto, non la biasimo) è assetato di vendetta e la prospettiva che il suo stupratore ottenga l’immunità è la benzina che Bruce Miller usa per il personaggio più selvaggio di Elisabeth Moss. Era sottigliezza, ma era anche sfumatura. La rabbia contenuta non è più tanto ma è nel disegno della sua discesa agli inferi come angelo di giustizia dove la sceneggiatura si sente cruda, priva di fluidità.

Le 11 migliori serie del 2021...finora

Va notato che l’ultimo atto della stagione 4 cade nella noia però ha tutti gli ingredienti per lasciarci incollati allo schermo. Abbiamo June scatenato e intento a fare di tutto, trucchi politici per cercare di distruggere Gilead e alcune lotte di potere nella dittatura… e succede lo stesso.

Non è tanto una questione di ciò che viene spiegato. Da tutto il viaggio (molto rap & revenge) di June e compagnia le decisioni possono sembrare più o meno giuste. In fondo penso che qui ci sia del buon materiale per la riflessione. Il problema è cosa si fa con questo e, sfortunatamente, non funziona per la mitezza che risulta negli occhi dello spettatore.

Nonostante il finale di stagione efficace, sanguinoso, violento e selvaggio con l’esecuzione viscerale di Fred, questa stagione è passata dal più al meno. Una sequenza (perché è fondamentalmente solo una sequenza) non risolve un viaggio che è iniziato promettendo ma ha finito per affrontare un viaggio monotono. La cosa peggiore è che questa serie è come una droga e la stagione 5 la consumeremo volentieri.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba