blog

il film malato con cui William Lustig ha iniziato il suo viaggio attraverso le zone più sporche di Manhattan e degli umani

Immagino che a seconda di quando ti avvicini a “Maniac”, “l’opera principale” di William Lustig (che in precedenza aveva fatto i pornografici “Claudia’s Rape” e “Hot Honey” sotto lo pseudonimo di Billy Bagg), la tua testa può essere più o meno influenzata dal forte carattere espressivo del suo protagonista, autore dell’idea e co-sceneggiatore, Joe Spinell. Più di quarant’anni dopo, il film è ancora scomodo possedere e estranei.

Psicosi a New York

Gli anni ’80 sono iniziati con un approccio davvero violento a quello che sarebbe successo. Lo slasher era ancora lontano dal diventare un sottogenere preferito per molti degli amanti dell’horror, e Lustig lo mise sul tavolo un incubo malaticcio e soffocante in 16 mm intorno a uno dei personaggi più disgustosi della memoria: Frank Zito.

Serie B Titans: Larry Cohen, quando il terrore invade le strade di New York

Anche se sarà nel suo remake di successo del 2012 in cui lo facciamo letteralmente, in ‘Maniac’ siamo perplessi nel vedere il mondo attraverso gli occhi danneggiati e disturbati del suo protagonista. Zito è il volto della paura, ma è anche una vittima. Probabilmente questo tocco tragico, così comune in questo tipo di personaggi, aumenta la sensazione di angoscia che ci circonda durante i suoi 90 minuti. Il film di Lustig (che appare come l’addetto alla reception dell’hotel), basato su un’idea della sua star, può riportare alla mente ricordi di personaggi come Norman Bates … o come l’ultimo e lodato ‘Joker’.

Caroline Maniac

L’interpretazione di Spinell è soprannaturale. Una performance da premio se i responsabili della distribuzione dei premi in giro per il mondo potessero guardare film come “Maniac”. Gli altri grandi protagonisti, oltre ai tempi classici del regista e all’elegante sobrietà narrativa, sono l’incomparabile Tom Savini e i lati più oscuri di New York City.

È possibile che la relazione entri in qualcuno con il fisico di Spinell e Caroline Munro può essere vista come un aspetto della sceneggiatura che le fa perdere credibilità nella storia. Sono d’accordo che non c’è abbastanza sospensione dell’incredulità per assimilare questo aspetto, ma forse quello che dovremmo tenere a mente è che stiamo vedendo la vita attraverso qualcuno chi non vede la realtà come la vediamo noi.

Maniaco

Avanzando su “L’angoscia della paura” di Gerarld Kargl e “Henry” di John McNaughton, Zito e Lustig pervertono la dolcezza di Bat di Perkins in un personaggio molto più in sintonia con la fogna di New York piena di eroina di quel momento. “Maniac” è la “psicosi” dell’era del cavallo e dell’AIDS. Prima ho parlato del fantastico remake diretto da Franck Khalfoun e interpretato da Elijah Wood. Trattandosi di un ottimo esercizio di aggiornamento della storia originale, vacilla solo in questo senso: tutto è semplicemente sfregato.

Certo, non posso parlare di un film di William Lustig senza menzionare il suo collega di musica, Jay Chattaway. Uno di maestri del sintetizzatore offre in questa occasione la cornice ideale per un’infanzia abusata. Una musica molto più drammatica che rende ancora più insopportabile la catena di eventi che deve raggiungere un esito antologico.

Maniaco

A ‘Maniac’ non frega niente, e se si riesce ad entrare nel rapporto tra killer e fotografo si può trovare qualche duello di ego e personalità più che un approccio romantico. Entrambi sono impegnati nel marketing artistico. La sta cercando rottura della realtà, Cerca di catturare l’effimero e rimandarlo in tempo. Laddove Norman aveva sezionato gli uccelli, Frank preferisce i manichini. Con capelli veri. La relazione tra Caroline Munro e Joe Spinell è pura rottura della realtà, non credi?

Girato quasi sulla guerriglia, senza permessi, con pochi soldi, con la macchina da presa sulle spalle e mettendo a fuoco continuamente e soffocando il suo protagonista, ‘Maniac’ è un film che merita tutto il nostro affetto. Quanto è paradossale tutto questo, lo so. Il suo ultimo restauro è miracoloso come quello che ha goduto di “The Texas Massacre” alcuni anni fa, e dovrebbe certamente servire a riscoprire un gioiello dell’orrore che ha ancora molto da dire.

maniaco 2

Abituato a recitare in ruoli secondari in film che sono passati alla storia (“Rocky”, “Damn Cargo”, “Taxi Driver”, “The Godfather” e il suo sequel …), Joe Spinell ha trovato qui il ruolo più importante del suo carriera e con quello che è successo nella storia. Sei anni dopo lo stesso Spinell, senza l’interesse di Lustig, provato a lanciare un seguito che non si è materializzato del tutto e che ha ancora più in comune con “Joker” rispetto al film originale. Che cose ha il cinema. È stato tutto inventato. Fino a quando non è mai stato fatto.

Forse il dato più curioso e quello che rende più forte la figura del suo regista è che nonostante sia stato perseguitato e distrutto dai media (da non perdere il catalogo dei telegiornali incluso negli extra del BluRay), il suo “debutto” di 350.000 dollari ha finito per aggiungere 10 milioni di profitti. Certo, così escono bene i film dell’etichetta Lustig, l’indispensabile Blue Underground.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba