blog

“Ci siamo persi.” Lin-Manuel Miranda si scusa per la mancanza di latini dalla pelle scura nel cast di “In a New York City”

Non una singola premiere senza una controversia associata. Questa volta è stata la volta del magnifico ‘In un quartiere di New York’, recentemente uscito nelle sale cinematografiche americane – con un risultato a dir poco più che discreto – oggetto di polemiche per questioni razziali; specificamente a la mancanza di rappresentazione dei latini neri nel loro cast.

I 21 migliori film musicali di tutti i tempi

Diversità non così diversa

La risposta negativa al processo di casting dell’adattamento cinematografico di “In The Heights” è arrivata sui social media dopo, durante a videointervista al regista Jon M. Chu, al giornalista mediatico Felice Leon The Root lanciato la prossima domanda.

“Come donna nera di origine cubana, in particolare da New York City, sarebbe imprudente non riconoscere il fatto che la maggior parte dei tuoi attori principali erano latinos dalla pelle chiara o potevano essere percepiti come bianchi. Detto questo, lo faresti? pensi alla mancanza di rappresentazione dei neri latini nel film?”

A queste dure parole Chu rispose che, in ogni momento, si è cercato di scegliere “le persone più adatte a questi ruoli”. “Fondamentalmente, quando abbiamo visto il cast, abbiamo cercato di ottenere le persone migliori per questi ruoli, e abbiamo visto molte persone… Persone come Daphne [Rubin-Vega] o Dascha [Polanco]”.

Lin-Manuel Miranda, autore dell’opera originale ‘In The Heights’ che adatta ‘In un quartiere di New York’ -a cui partecipa come canoista-, non ci è voluto molto per riecheggiare la polemica e scusarsi un la seguente affermazione, che ha postato sui suoi social.

“Ho iniziato a scrivere “In the Heights” perché non mi sentivo rappresentato, e negli ultimi 20 anni tutto ciò che volevo per noi – TUTTI noi – era sentirci rappresentati. Sto guardando il dibattito di questo fine settimana sull’afro-latino rappresentazione nel nostro film, ed è chiaro che molti membri dalla pelle scura della nostra comunità afro-latina non si sentono sufficientemente rappresentati, specialmente tra i ruoli principali.

Posso sentire il dolore e la frustrazione per il colorismo, per sentirmi ancora invisibile. Ho sentito dire che senza una rappresentazione sufficiente degli afro-latini dalla pelle scura, il mondo sembra esclusivo nella comunità che volevamo rappresentare con così tanto orgoglio e gioia. Non siamo riusciti a provare a dipingere un mosaico di questa comunità.

Mi dispiace tanto. Sto imparando dal feedback, grazie per averlo portato alla luce e sto ascoltando. Sto cercando di fare spazio sia per il tremendo orgoglio per il film che abbiamo realizzato, sia per essere responsabile delle nostre mancanze. Grazie per il tuo feedback onesto. Prometto di fare meglio nei miei prossimi progetti e mi dedico all’apprendimento e all’evoluzione che tutti dobbiamo fare per assicurarci di onorare la nostra comunità diversificata e vibrante.

Sempre, LMM”

‘In un quartiere di New York’ debutta in Spagna prossimamente 18 giugno.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba