blog

analisi di ‘Mank’, vincitore dell’Oscar per il miglior film 2021

“Mank” è il film di David Fincher con cui Netflix voleva vincere quest’anno al gala degli Oscar del 2021. Alla fine, tra le dieci nomination, gli sono stati lasciati due premi: Production Design e Best Photography. Erik Messerschmidt è riuscito a seguire le orme di Greg Toland, che ha fotografato ‘Citizen Kane’, il film di cui si parla in questo capolavoro di Fincher.

È interessante notare che in soli tre anni due film in bianco e nero hanno vinto l’Oscar per il miglior film. ‘Roma’ nel 2018 e ora ‘Mank’ nel 2020. Ed è che una buona fotografia in bianco e nero riesce ad attirare l’attenzione nella stagione della saturazione marvelita.

Erik Messerschmidt ha una carriera breve ma non ha smesso di lavorare. È noto per il suo lavoro in alcune delle serie televisive di maggior impatto ultimamente, come “Mindhunter” di Fincher, un episodio di “Fargo” o la serie di fantascienza di Ridley Scott.

Con questo film aveva l’obbligo di rendere omaggio a Greg Toland, il leggendario direttore della fotografia di Orson Welles che ha realizzato “Citizen Kane”, ma anche “Stormy Peaks” (1939), “The Grapes of Wrath” (1940), “The Wolf ‘(1941) e’ I migliori anni della nostra vita ‘(1946).

Analizziamo quindi il lavoro di Erik Messerschmidt nel film di David Fincher, una vera meraviglia, ma solo per chi conosce l’intera storia dietro ‘Citizen Kane’. Se non hai mai visto questo capolavoro, avrai difficoltà a seguire il filo di “Mank”.

“Mank”, un film con una fotografia che accompagna la storia in piano in aereo.

Questo film parla di “Citizen Kane” dal punto di vista dello sceneggiatore Herman J. Mankiewicz. La storia mette in dubbio il coinvolgimento di Welles nella scrittura della sceneggiatura e dà pieno merito a quest’uomo che stava vivendo uno dei suoi momenti più difficili, ubriaco e cercando di riprendersi da un incidente d’auto.

David Fincher ha scelto Erik Messerschmidt per la sua collaborazione alla serie Netflix. Il motivo è semplice, andavano d’accordo e lo considera un professionista flessibile che pensa al risultato finale, non al suo aspetto personale. E che riesce a tenere il passo con il ritmo diabolico del regista.

35 film e documentari con, di e per fotografi

Entrambi cercavano un look classico e il riferimento è senza dubbio l’opera di Greg Toland. Come abbiamo commentato nell’articolo a lui dedicato, la sua fotografia si distingue per:

  • Profondità di campo
  • L’uso dell’obbiettivo angolare
  • L’uso della luce
  • le cornici
Mank Netflix Iii

Fotogramma del film

Ma Erik Messerschmidt non è rimasto qui. Lui stesso confessa di aver cercato riferimenti in molti dei film con le migliori fotografie in bianco e nero … e la cosa divertente è che quelli dietro “La notte del cacciatore”, “Rebeca”, “L” appartamento “,” A sangue freddo ‘seguì il percorso di Toland.

Gli aspetti tecnici di ‘Mank’

Il lavoro di Messerschmidt è una continuazione del lavoro dei grandi maestri della fotografia in bianco e nero.. Ha usato le fotocamere RED Ranger HELIUM 8K S35 con un sensore in bianco e nero, quindi è stata necessaria un’immensa pre-produzione per vedere quali colori si adattano meglio con la conversione diretta.

Hanno deciso di lavorare con un’elevata sensibilità per ottenere una trama, un rumore interessante e classico. E per raggiungere la profondità di campo di Toland hanno chiuso il numero T (luce reale che raggiunge il sensore) dei target al massimo. Hanno usato il Obiettivi Leitz Summilux-C.

L’illuminazione è stata un’altra sfida. Hanno cercato di utilizzare, ogniqualvolta la scena lo consentiva, un’illuminazione giustificata e realistica per ottenere retroilluminazione così sorprendenti.

Netflix mancante

Fotogramma del film

Ma, come lui stesso spiega in un’intervista, c’è una scena in cui i due protagonisti camminano di notte. E hanno dovuto appendere lampadine da 800 W per ottenere questo contrasto … in cambio hanno dovuto mettere le lenti a contatto agli attori perché non avrebbero abbagliato

Il film è registrato in HDR. Sembrava un’aberrazione, ma tutto dipende dall’uso logico della tecnologia. Così hanno potuto sfruttare al massimo il sensore e ottenere il contrasto esatto di ogni scena.

Come dice lo stesso Fincher, il cinema digitale ti consente di vedere tutto in modo più chiaro e accurato. E Messerschmidt è stato in grado di dare al regista tutto ciò che chiedeva. Alla fine la tecnica è importante non da sola, ma perché può offrirti tutto ciò che chiedi.

È un piacere contemplare la fotografia di “Mank”. Il bianco e nero si fonde perfettamente con la trama. E per quelli di noi che amano il cinema, ci porta direttamente ai tempi che contano … Si rompe con

L'ASC pubblica la lista dei 100 migliori film, secondo la sua fotografia, nell'anno del suo centenario

Il film, nell’attuale periodo di pandemia ed essendo Netflix, ha fatto poco ricorso a cinema su grande schermo, camera oscura e silenzio. In cambio possiamo vederlo su Netflix, in pigiama, sul nostro divano preferito e con qualche interruzione occasionale … Ma il cinema ci insegnerà sempre cose nuove.

Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

También te puede interesar

Antonella Pirelli
Antonella Pirelli
Ciao - Sono Antonella, Renovator e Blogger in missione per trasformare la nostra casa in una casa. Sette anni fa non sapevo cosa fare e non sapevo cosa fare, ma da allora ho imparato a costruire, a piastrellare, a fare l'idraulico e molto altro ancora. Questo è il mio piccolo posto sul web dove condivido tutto quello che ho imparato, così anche voi potete imparare.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Ir arriba